Sentieri Sonori 2020 04 11 (feat. Gegé Telesforo & The Uppertones)

Anche, anzi soprattutto in questo periodo difficile, non vi facciamo mancare gli abituali 90 minuti di ottima musica italiana: programma come sempre molto denso, incluse tante novità e due graditi ospiti. Per quanto concerne le nuove uscite, abbiamo ascoltato e parlato di Ritmo Tribale, The Bluebeaters, Tosca, Marco Giudici, Ottavia Brown, Dead Visions e Marco Castello.

La prima intervista ci ha permesso di dare il bentornato ad un gruppo che abbiamo già ospitato nel dicembre 2015 (qui il podcast) e nel settembre 2017 (qui il podcast) per i loro primi due dischi, ma che riunisce musicisti a noi ben noti da lungo tempo. L’iniziatore del progetto è stato Mr. T-Bone, voce e trombone che ha pubblicato internazionalmente sette album da solista ed ha suonato fra gli altri con Bluebeaters, Africa Unite, Casino Royale, Mau Mau in Italia, e (sempre fra i tanti) con New York Ska Jazz Ensemble, Victor Rice, The Slackers, Dr Ring Ding in giro per il mondo. Per creare The Uppertones ha chiamato a raccolta Peter Truffa, pianista e cantante americano, anche lui membro fra l’altro di New York Ska Jazz Ensemble ed a lungo collaboratore di Mr. T-Bone e Bluebeaters, e Count Ferdi, storico batterista di Casino Royale e Bluebeaters. Il loro primo album, Closer to the bone, ci ha fatto scoprire quello che chiamano jamaican boogie, unione degli accenti della musica giamaicana con un caldo rhythm’n’blues, con suoni che più che vintage definiremmo fuori dal tempo. Poco meno di due anni dopo hanno pubblicato il loro secondo disco, intitolato Up Up Up!, che proseguiva l’esplorazione di questi affascinanti sentieri sonori, questa volta con brani originali, contrariamente al primo. Il 23 marzo è uscito il loro nuovo lavoro, Easy Snapping, che li vede nuovamente alle prese con una serie di cover, e che segna un cambiamento nella line-up, con l’ingresso di Phil Cuomo al piano: il risultato è un altro splendido album, che abbiamo presentato insieme alla bella iniziativa The Uppertones & Friends, a sostegno degli Ospedali di Torino (qui le info).

Abbiamo poi dato il benvenuto a quello che non è solo un musicista di valore, ma anche un ottimo presentatore radiofonico e televisivo, Gegé Telesforo. Il 27 marzo è uscito Il mondo in testa, il dodicesimo album di una carriera di cantante, polistrumentista e produttore che lo ha portato a collaborare con i grandi del jazz italiano e mondiale, ed a vincere il Jazzit Award come miglior voce maschile ininterrottamente dal 2010 ad oggi. In questo nuovo disco, “realizzato nell’arco di un anno e mezzo, dopo una serie di produzioni dedicate al mercato internazionale, torna a scrivere testi in italiano, avvalendosi di alcuni dei più talentuosi musicisti della nuova generazione. Si potrebbe dire che tutto l’intero lavoro è un inno all’Amore per la vita, per la natura, che parla di incontri e scoperte di un viaggiatore sempre circondato da suoni e ritmi.” Un ottimo album, foriero di good vibes, quanto mai importanti in questo periodo, che siamo lieti di aver presentato accogliendo in trasmissione quello che è stato protagonista fra l’altro di una trasmissione che alla fine degli anni ottanta fu molto importante per la nostra generazione di appassionati di musica, ovvero D.O.C. Musica e altro a denominazione d’origine controllata.

FOLLOW OUR BLOG!!
Creator: